Vendere Pubblicità sul tuo Sito

PUBBLICITà

Vendere pubblicità sul blog, senza sfruttare Google Adsense, può risultare difficile, soprattutto se siamo alle prima armi. Anzitutto, un blog che abbia un minimo valore pubblicitario sul mercato, almeno tanto da attirare l’attenzione degli inserzionisti, deve seguire alcune caratteristiche a prescindere dal metodo utilizzato

Essere un blog ottimizzato.

Se il nostro blog è nuovo e non ha un buon posizionamento sui maggiori motori di ricerca, è piuttosto difficile che qualcuno decida di acquistare spazi pubblicitari.

Essere un blog seguito e apprezzato con la sua sfera di influenza.

Ogni blog è specifico e di settore, facciamo parlare di noi proponendo informazioni di qualità. Più saremo visitati e più saremo appetibili per un eventuale inserzionista.

Avere un target specifico anche sui nostri inserzionisti.

Prima di accettare un’inserzione, chiediamoci se può servire al nostro utente. Altrimenti è spazio sul blog completamente sprecato sia per noi che per il nostro inserzionista, non si può inserire un annuncio sulle auto in un sito di letteratura, non corrisponde al nostro target.

Detto questo, passiamo ai metodi più comuni per vendere spazi pubblicitari nel nostro blog, in questo caso parliamo soprattutto di banner pubblicitari, che possono essere pagati per impressioni, per click e per referral.

Per impressioni.

Il nostro inserzionista ci pagherà ogni volta che verrà visualizzato l’annuncio sulle nostre pagine. Di solito questa forma si chiama CPM, perché l’inserzionista paga non la singola impressione, ma un pacchetto di 1000 impressioni.

Per click.

Saremo pagati solo se il nostro utente visiterà il sito pubblicizzato. Da qui l’importanza della posizione dell’annuncio (magari all’interno di un articolo informativo sullo stesso argomento) e la sua corrispondenza con il target.

Per referral.

Saremo pagati solo se l’utente non soltanto cliccherà sul banner, ma farà l’operazione richiesta.

Ora, è naturale che il più conveniente è il CPM, ma dobbiamo garantire all’inserzionista che il sito sia visitato, ben posizionato e ottimizzato a dovere.

Banner

Le misure dei banner sono diverse, ma i più utilizzati sono i 125×125 e i 300×250. I primi sono molto efficaci nelle home dei siti (esistono temi WordPress gratis predisposti per ospitare quattro di questi banner), i secondi sono perfetti negli articoli e nei post in genere. Gli altri banner vengono considerati dall’utente troppo invasivi, risultando così inutili all’inserzionista e al webmaster.

Buona fortuna e buon guadagno con gli spazi pubblicitari online.


bannerneo

Hai visto il banner qua sopra??? Io ci sono riuscito! Clicca su “VAI ALLA GUIDA >>” e accedi alla mini guida che in 9 semplici passaggi ti spiegherà passo-passo come ho fatto!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *