Oltre ai classici modi di monetizzare il traffico del blog attraverso gli annunci contestuali (Adsense, eDintorni, Heyos e altri programmi di affiliazione simili), da qualche tempo è possibile aderire a campagne pubblicitarie che partono da un punto di vista completamente diverso.

Mentre gli investitori che creano per esempio delle campagne AdWords sono interessati al ritorno in termini di conversione, ce ne sono altri che hanno l’obiettivo disviluppare il loro brand. A questi ultimi non interessa tanto che i navigatori clicchino sui loro banner ma solo che li vedano questo per aumentarne la visibilità e la riconoscibilità. Ecco due esempi di questi circuiti pubblicitari.

LIQUIDA NETWORK

Liquida è stato l’antesignano in Italia di questa nuova forma di pubblicità. I dettagli del contratto possono essere consultati nella pagina delle FAQ di Liquida Network. In sintesi si possono così riassumere

  • Per essere ammessi bisogna essere online da almeno 6 mesi, pubblicare almeno due post per settimana e avere almeno trentamila visite mensili. Occorre avere anche un account Analytics per comunicare i rapporti trimestrali sulle visite
  • C’è l’attivazione semplice e quella premium. Nel primo caso ci sono tre profili di affiliazione:  Header Light che comporta un guadagno di 0,3€ RPM, Banner300×250 pixel 0,6€ RPM, Full è la somma dei due pacchetti precedenti per un totale dunque di 0,9€ RPM. Dove RPM sta per “migliaia di pagine viste“. Cioè con 100.000 pagine viste al mese si guadagna 60 euro con il banner, 30 euro con l’header e 90 euro con entrambi
  • Le pagine viste saranno certificate dai dati di Google Analytics. Se variassero in positivo o in negativo in misura superiore al 25% sarà effettuato un ricalcolo del compenso
  • Si tratta di inserire un codice Javascript nella sidebar del sito per il Banner. Se si aderisce al pacchetto Full dovrà essere inserito un codice immediatamente dopo <body> nel modello o tema del sito per visualizzare l’header Liquida sopra a tutto il contenuto del blog. Il banner deve essere inserito entro i primi 600 pixeldella sidebar

VIRGILIO BANNER

VBanner sta cercando di copiare la strategia di Liquida e in sostanza il metodo di inserimento è lo stesso. Ci sono però dei compensi più elevati e in funzione della categoria del blog ma anche dei vincoli più stringenti. Ecco in sintesi cosa comporta il contratto

  • Ogni canale tematico ha la sua quotazione: Cinema 1 euro, Donne 1 euro, Giochi 0,80 euro, Green 1,20 euro, Motori 1,20 euro, Musica 0,80 euro, Notizie 0,80 euro, Sport 0,80 euro, Tecnologia 1,10 euro, Viaggi 1,10 euro. I compensi sono intesi ogni mille pagine viste.
  • Si inserisce un banner di dimensioni 300×250 pixel tramite il codice fornito dal servizio
  • Non sono ammessi i siti con i contenuti vietati anche dalle altre concessionarie pubblicitarie oltre a quelli che trattano temi di natura personale e siti di streaming
  • Non sono neppure ammessi i siti che abbiano più di tre annunci pubblicitari per pagina oltre a quelli di Virgilio Banner
  • Non sono ammessi “blog/siti con Adv del tipo in-text all’interno dei test“.

L’ultima condizione è quella più limitante in quanto sono esclusi tutti i siti che hanno per esempio la pubblicità Adsense subito sotto il titolo del post che è notoriamente la posizione più performante.

Fatte queste premesse penso che il banner 300×250 di Liquida possa essere appetibile per molti siti in quanto non intralcia la pubblicità contestuale già presente sul blog. Virgilio Banner può essere interessante solo per quei blog che non hanno pubblicità contestuale ma che vogliono iniziare a monetizzare la loro attività sul web.